Alzheimer, scosse magnetiche per stimolare i ricordi

ROMA - Far tornare i ricordi ai malati di Alzheimer. La nuova speranza arriva da una tecnica con scosse magnetiche, ma non invasiva, sperimentata negli Usa dalla Northwestern University di Chicago su un gruppo di 16 volontari, in uno studio pubblicato su 'Science Advances'. La metodica - che utilizza una grande bobina posizionata sul cuoio capelluto, per agire nel cervello sulle aree della memoria - si è dimostrata in grado di aumentare la capacità dei pazienti di ricordare le connessioni fra diverse fotografie, con un effetto che dura almeno 24 ore dopo la stimolazione.

Se il successo fosse confermato, riporta il 'Daily Mail', potrebbe aprirsi "un trattamento rivoluzionario contro la perdita di funzioni cognitive" associata, oltre che alla demenza, a "invecchiamento, ictus e traumi cranici". Joel Voss, docente di neurologia alla Northwestern e autore senior dell'esperimento, spiega che "poter manipolare i circuiti della memoria in questo modo molto specifico è certamente promettente per intervenire nei disturbi della memoria insorti per varie cause. Poter usare una stimolazione non invasiva per potenziare l'eccitabilità del circuito cerebrale bersaglio - precisa - significa far fare a questo circuito quello che fa naturalmente durante la formazione dei ricordi".

Please reload

Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria
UNEBA Calabria
Unione nazionale istituzioni e iniziative di assistenza sociale
P.iva/C.F.: 97063640797 
Via Lucrezia Della Valle 19/39 - 88100 Catanzaro (CZ)
unebacalabria@gmail.com