Dl Calabria, 16 prof chiedono a Zingaretti di cambiarlo

 

CATANZARO – Mentre sono in corso le trattative per il nuovo Governo, 16 docenti universitari calabresi scrivono al segretario del Pd Zingaretti chiedendo che nel programma entri la modifica del Decreto Calabria, ritenendo insufficienti le misure previste dal ministro Grillo. Qui di seguito riportiamo il documento con in calce le 16 firme.
Gentilissimo segretario Zingaretti,
apprezziamo il Suo sforzo di lavorare alla formazione di un Governo di estrazione progressista che ricostruisca il Mezzogiorno dalle macerie, soprattutto culturali, cui non ha offerto soluzione alcuna quello appena precedente.
Comprendiamo le difficoltà che sono alla base della trattativa in essere con la sinistra parlamentare e con il M5S per far sì che venga a condividersi un programma di rinnovamento del Paese e di rilancio reale del Sud, nonché a determinarsi un Governo rappresentativo della tutela delle diverse, ma essenziali, istanze collettive.
A proposito di queste ultime, abbiamo ritenuto opportuno indirizzarLe questa lettera aperta, al solo scopo di contribuire alla rinascita della nostra amata Regione e di ridare ai calabresi quanto la Costituzione impone comunque e ovunque, tranne che in Calabria.
L’occasione può essere determinata dalla «rinegoziazione» del contenuto del D.L. 35/2019, poi convertito nella L. 60/2019, inteso a risolvere i mali organizzativi della sanità calabrese, produttivi di danni sociali incommensurabili e di una mobilità passiva che oltrepassa i 320 milioni di euro all’anno, con conseguente appesantimento del bilancio regionale e, dunque, della Repubblica.
Sebbene plausibili le ragioni che indussero la ministra Giulia Grillo ad optare per la decretazione d’urgenza, riteniamo che le misure in esso sin dall'origine individuate si sono dimostrate inadeguate e insufficienti.
È stata la sua attuazione a dimostrare l’inadeguatezza del provvedimento e delle soluzioni, che tali non sono, atteso che, a oltre quattro mesi dalla sua pubblicazione, il SSR calabrese è in preda allo sgomento e alla desolazione. Soltanto tre dei commissari straordinari prescelti hanno appena iniziato la loro attività, a fronte di altri cinque che hanno opposto un sonoro rifiuto ad accettare la carica di sovraintendere alle aziende sanitarie calabresi, sia territoriali che ospedaliere.
Una situazione, questa, che aggrava quanto di rovinoso è rimasto del Servizio sanitario calabrese, spopolato di operatori sanitari, sprovvisti di presìdi medicali e farmaci, con bilanci aziendali non approvati e adempimenti fondamentali non assolti.
L'odierna richiesta è suffragata dalle evidenti incostituzionalità che presentano il decreto legge e la legge di conversione. Incostituzionalità gravi e diffuse, alcune delle quali violentano irrimediabilmente l'autonomia riservata dalla Carta alle Regioni. E ancora. Il provvedimento è da rivedere, nella sua prima parte, perché adottato in palese violazione delle norme, costituzionali e attuative, che assicurano l'uniformità dei livelli essenziali di assistenza e regolano la formazione composita del bilancio dello Stato, l'obbligo di concorso delle Regioni all'equilibrio economico e alla sostenibilità del debito pubblico.
A ben vedere, esimio Segretario, esistono ragioni di diritto del più alto rango e di merito, per far in modo che la formazione del nuovo Governo costituisca l’occasione per garantire ai calabresi livelli essenziali di assistenza sino ad ora mai percepiti. Che ciò possa reiterarsi nei confronti delle altre regioni, specie di quelle che trovansi nello stesso stato di precarietà vissuto dalla Calabria.
Con la certezza che quanto posto alla Sua attenzione trovi spazio nella Sua sensibilità politica, salutano
Enrico Caterini - Università della Calabria
Damiana Costanzo - Università della Calabria
Gino Merocle Crisci - Rettore Università della Calabria Valerio Donato - Università Magna Graecia
Silvio Gambino - Università della Calabria
Gianni D'Amico - Università Mediterranea
Gianpiero Calabrò - Università della Calabria
Ettore Jorio - Università della Calabria
Francesco Manganaro - Università Mediterranea Alessandro Mazzitelli - Università della Calabria Giulio Nardo - Università della Calabria
Roberto Bartolino - Università della Calabria
Geremia Romano - Università Magna Graecia
Alberto Scerbo - Università Mediterranea
Damiano Silipo - Università della Calabria
Aquila Villella - Università Magna Graecia
 

Please reload

Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria
UNEBA Calabria
Unione nazionale istituzioni e iniziative di assistenza sociale
P.iva/C.F.: 97063640797 
Via Lucrezia Della Valle 19/39 - 88100 Catanzaro (CZ)
unebacalabria@gmail.com