Solo in Calabria e Lazio obbligo vaccini per categorie a rischio

 

ROMA - Sono 17 le Regioni e le Province autonome che hanno programmato la fornitura di vaccinazioni per la stagione 2020/2021. A dirlo è la 17/a puntata dell’Instant report Covid-19, un’iniziativa dell’Altems, l’Alta scuola di economia e management dei sistemi sanitari dell’Università Cattolica, di confronto dell’andamento della diffusione del Sars-Cov-2 a livello nazionale.

Ad aver definito la programmazione sono Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Liguria, Val d’Aosta, Friuli-Venezia-Giulia, la Provincia autonoma di Bolzano, Lazio, Abruzzo, Molise, Umbria, Basilicata, Calabria, Puglia, Campania e Sardegna.

Alcune (Lazio e Calabria) hanno deliberato sull'obbligatorietà della vaccinazione anti-influenzale per determinate categorie a rischio (over-65 e operatori sanitari), mentre altre Regioni (Campania) hanno annunciato l’intenzione di introdurla.

Secondo il rapporto emerge in molte realtà regionali l'attenzione, in sede di programmazione, a una fornitura di dosi vaccinali specificamente dedicate agli operatori sanitari, nonché la consapevolezza dell’importanza di raggiungere un’ampia copertura vaccinale, specie nei soggetti più esposti, consentendo una riduzione al ricorso all’assistenza nelle strutture sanitarie e permettendo una più facile diagnosi dei sospetti casi di positività al coronavirus.

Please reload

Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria
UNEBA Calabria
Unione nazionale istituzioni e iniziative di assistenza sociale
P.iva/C.F.: 97063640797 
Via Lucrezia Della Valle 19/39 - 88100 Catanzaro (CZ)
unebacalabria@gmail.com