Spirlì ritiene invasivo e mortificante il nuovo commissariamento


CATANZARO - "Il provvedimento prevede un insieme di misure particolarmente invasive per le competenze regionali" che "aggravano il regime speciale per la gestione commissariale del servizio sanitario della Regione Calabria". Lo ha detto il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì, in audizione in Commissione Affari sociali alla Camera dei deputati nell’ambito dell’esame del disegno di legge sulle misure urgenti per il rilancio del servizio sanitario della Regione Calabria e per il rinnovo degli organi elettivi delle regioni a statuto ordinario.

Per Spirlì "il regime commissariale non ha prodotto alcun beneficio per gli interessi dei cittadini calabresi", nonostante ciò "il governo nazionale, senza avere avviato alcuna interlocuzione preventiva con la giunta regionale, ha introdotto un nuovo regime commissariale della sanità calabrese i cui contenuti risultano ancor più mortificanti per le prerogative dell’amministrazione regionale" e "per il diritto alla salute" dei calabresi.

Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria