Accolto odg di Parentela (M5S) per il potenziamento dei distretti sanitari delle aree montane



ROMA - «In fase di conversione del decreto Sostegni-ter è stato accolto un mio Ordine del giorno che impegna il governo a valutare interventi rapidi perché gli indicatori di deprivazione e povertà sociale siano inseriti nell’imminente, nuova definizione degli standard dell’assistenza sanitaria, in modo da aiutare i territori più svantaggiati». Lo afferma, in una nota, il deputato M5S Paolo Parentela, che spiega: «In pratica abbiamo rappresentato al governo l’esigenza di potenziare l’assistenza ospedaliera e territoriale nelle aree montane e disagiate di regioni come la Calabria, che hanno condizioni geografiche, infrastrutturali, economiche e sociali molto critiche e che, pertanto, necessitano di ospedali e distretti sanitari molto più attrezzati». «Ci sono aree della Calabria – prosegue il deputato del Movimento 5 Stelle – per le quali le norme ministeriali prevedono servizi che risultano inadeguati ai fabbisogni reali: dal Pollino alla Valle dell’Esaro, dallo Ionio cosentino alla Sila, dal comprensorio di Crotone all’interno del Catanzarese, sino alle province di Vibo Valentia e Reggio Calabria. Le strutture pubbliche della sanità calabrese devono poter dare risposte efficaci nei rispettivi territori, a livello chirurgico, diagnostico, terapeutico e di prevenzione». «Sono prossimi l’aggiornamento del decreto ministeriale sugli standard ospedalieri e l’uscita degli standard di assistenza territoriale. Per questo – conclude Parentela – era indispensabile sollecitare il governo a considerare le necessità e le specificità della Calabria per come emergono dai dati epidemiologici, di povertà, di vulnerabilità sociale e di deprivazione sanitaria derivante dal Piano di rientro».



Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria