Azienda Zero, per il deputato Sapia è illegittima



CATANZARO - Secondo il deputato Francesco Sapia, è manifestamente illegittima la legge istitutiva dell'Azienda Zero per il governo della sanità calabrese. Perciò il parlamentare di Alternativa, alla Camera componente della commissione Sanità, ha interrogato il governo per chiedere «se non ritenga, in sede di Consiglio dei Ministri, di deliberarne l'impugnazione davanti alla Corte costituzionale». «Con questa legge si dà il via libera – spiega Sapia – ad una vera, antitetica ed illegittima sovrapposizione e/o complementarietà di poteri tra la figura del presidente della giunta regionale e quella del commissario per l'attuazione del Piano di rientro dal disavanzo sanitario regionale cui è sottoposta la Regione Calabria. I consiglieri regionali di centrodestra – incalza il deputato di Alternativa – hanno completamente dimenticato che per tutta la durata del commissariamento i poteri amministrativi, organizzativi, gestionali e normativi del commissario governativo alla Sanità vanno tenuti al riparo da ogni interferenza degli ordinari organi di gestione della Regione». «Invece la legge regionale approvata – continua il deputato di Alternativa – confonde i ruoli del presidente della giunta e del commissario alla Sanità calabrese, coincidenti nella persona dell'onorevole Roberto Occhiuto. Inoltre la legge dà all'Azienda Zero poteri e funzioni superiori a quelli delle Asp, invece dirette da commissari che fanno capo al governo, in quanto nominati secondo le norme della seconda legge Calabria. Ancora, l'Azienda Zero, che di fatto si pone al di sopra del dipartimento regionale Tutela della salute, determina un accentramento di poteri pericoloso e inammissibile. Concordo, infine, con i consiglieri regionali di De Magistris Presidente, Ferdinando Laghi e Antonio Loschiavo, i quali a ragione – conclude Sapia – lamentano il mancato rispetto delle regole interne al Consiglio regionale e delle minoranze consiliari».






Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria