Calabria a rischio zona gialla


ROMA - L'Italia resta ancora tutta bianca. Non c'è stato il passaggio in zona gialla della Sicilia con regole covid più restrittive. L'isola, con il 9,2% dell'occupazione delle terapie intensive, ha però sfiorato la soglia critica del 10% che l'avrebbe fatta tornare in giallo, dal momento che anche gli altri parametri per il cambio di colore sono stati ampiamente superati. E' quanto emerge dagli indicatori decisionali, basati su dati (fonte ministero Salute-Protezione civile) aggiornati al periodo 13-19 agosto.

Nel prossimo monitoraggio alcuni territori, compresa la Calabria, rischiano di cominciare il mese di settembre con misure più restrittive. Dall'ultimo report dell'Istituto superiore di sanità, un dato confortante però arriva sull'Rt, che scende ancora e si attesta ad 1,1 mentre la scorsa settimana era ad 1,27. L'ulteriore ribasso conferma una tendenza in atto già da alcune settimane (il 6 agosto era a 1,56). Ma che in generale la curva dei ricoveri si stia alzando lo conferma lo stesso direttore della prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza , il quale parla di «un aumento rispetto alla scorsa settimana particolarmente sensibile in alcune regioni e soprattutto riguarda persone non vaccinate».


Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria