Intesa per le guardie mediche in Sila



COSENZA – Per fronteggiare la carenza di personale sanitario nelle Guardie mediche della provincia di Cosenza, il presidente della commissione anti ‘ndrangheta, Antonio De Caprio, propone di applicare quanto già sperimentato in Sicilia con un protocollo straordinario con i medici, titolari di continuità assistenziale a doppio rapporto.

In una missiva, inviata al commissario ad acta alla Sanità in Calabria, Guido Longo, e per conoscenza al governatore facente funzioni, Nino Spirlì, De Caprio mette in evidenza i disagi che, negli ultimi giorni, stanno subendo numerose cittadine della provincia Bruzia, a causa della mancanza di personale sanitario all’interno delle Guardie Mediche.

“Sono molte e giuste le lamentele da parte delle istituzioni locali, dei turisti, delle comunità cittadine per la mancanza di un servizio fondamentale soprattutto in estate – dichiara De Caprio - quando il flusso turistico è notevole. Ho avuto modo di interloquire con il commissario di Forza Italia di Amantea, Adelmo Mannarino, e il sindaco di San Nicola Arcella, Barbara Mele, preoccupati per la problematica che vivono le loro città. Insieme, ci siamo prodigati affinché un servizio fondamentale per il territorio venga potenziato. Mi sono, poi, premurato di sottoporre la problematica al Dirigente competente del dipartimento alla salute – prosegue Antonio De Caprio - per dare riscontro, riguardo l’autorizzazione alla pubblicazione del bando per il reclutamento di 314 medici per la copertura dei posti vacanti nelle guardie mediche dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza.

Nell’ampio spirito collaborativo – si legge ancora nella lettera inviata al commissario Longo - una soluzione immediata potrebbe essere quella adottata in una delle regioni che vive il nostro stesso disagio. Mi riferisco alla Sicilia – chiosa il presidente dell’antimafia regionale - dove il 26 giugno scorso è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale un protocollo, secondo il quale “il medico, titolare di Continuità Assistenziale a doppio rapporto, mantenga l'incarico di 12 ore, al superamento di 650 scelte di Assistenza primaria e fino al raggiungimento di 900 scelte. Ipotesi, questa, suggeritami dal Direttore del distretto sanitario del Tirreno, Angela Riccetti”.

Se si adottasse questa linea – conclude il capogruppo azzurro in assemblea legislativa - da un lato si andrebbe incontro alla necessità di non lasciare vuote le sedi, visto che numerose di esse restano scoperte per carenza di medici e dall’altro lato favorire le prestazioni all’utenza, in attesa di definire il bando da autorizzare alla pubblicazione”.


Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria