Laghi (Polo civico) chiede l'uscita dal commissariamento della sanità


REGGIO CALABRIA - «Da subito il nuovo Consiglio regionale della Calabria dovrà porsi il problema dell’uscita dal commissariamento governativo della Sanità. È urgente e non più rinviabile». Lo afferma, in una nota, Ferdinando Laghi, consigliere regionale del Polo civico.

"Ce lo impongono - aggiunge - la gravissima carenza di personale sanitario, la progressiva dismissione dei reparti pubblici dal Pollino allo Stretto, il permanente stop delle assunzioni, i trasferimenti in ambulanze senza medici, il sostanziale smantellamento degli ospedali delle aree interne o disagiate, la chiusura di numerosi presìdi e la spaventosa esiguità degli organici della continuità assistenziale e della medicina territoriale. I calabresi pagano più degli altri italiani per una sanità ridotta all’osso e quindi non in grado di dare le risposte che servono. A ciò si aggiunga l’ingiustizia rappresentata dal criterio vigente di ripartizione delle risorse statali, in forza del quale ogni anno la Calabria riceve almeno 150 milioni di euro in meno rispetto al fabbisogno di cure nel proprio territorio. Ed ancora, vi è un profondo squilibrio, da risolvere presto, nel rapporto tra sanità pubblica e privata. Va subito aperta una discussione politica in Consiglio regionale, anche per sapere come il commissario e presidente Occhiuto intenda muoversi su queste priorità».

"Nell’immediato — dice ancora Laghi — bisogna premere, in vista dell’imminente esame della legge statale di Bilancio, affinché sia anticipata parte dei primi 60 milioni già stanziati da Governo e Parlamento per la sanità calabrese e lo Stato si decida a destinare al nostro Servizio sanitario regionale le risorse aggiuntive previste dalla Costituzione».



Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria