top of page

Amantea, il sindaco fa il punto sul poliambulatorio



AMANTEA - Il sindaco Vincenzo Pellegrino raccoglie le sollecitazioni della Lega Spi-Cgil e della Cgil di Amantea sul poliambulatorio cittadino. «Le preoccupazioni da parte della Lega Spi-Cgil e della Cgil, di cui leggo sul Quotidiano del Sud, circa la realizzazione della Casa della Salute ad Amantea come naturale evoluzione del poliambulatorio – dichiara il sindaco Pellegrino – mi appaiono più che giustificate. Non solo le motivazioni alla base dell’intervento sono del tutto condivisibili, ma le organizzazioni in questione hanno anche ragione nel riportare a memoria i solenni impegni assunti nel corso dell’importante iniziativa pubblica da loro promossa agli inizi del mese di marzo del 2022 (alla quale partecipai, in verità, più come medico che come potenziale candidato a sindaco di Amantea) dall’allora rappresentanze istituzionali presenti e coinvolte. Comprendo anche le sollecitazioni che pervengono alla mia persona affinché, questa volta come sindaco del Comune capofila, mi faccia interprete delle istanze dei circa trentamila cittadini, molti dei quali in età avanzata, che pazientemente aspettano da anni la realizzazione di un presidio sanitario capace di dare qualificate risposte alle prime esigenze dei pazienti, in un’area che non può contare su strutture ospedaliere. E, tuttavia, l’occasione dell’intervento giusto e accorato dello Spi e della Cgil mi dà l’occasione – spiga Pellegrino – di partecipare allo stesso sindacato, nelle sue articolazioni, e all’opinione pubblica, le azioni che l’amministrazione comunale di Amantea, quelle dei comuni del territorio interessati con in testa i colleghi sindaci, e personalmente come primo cittadino e soprattutto medico, stanno portando avanti a riguardo senza soluzione di continuità. In realtà – precisa il sindaco – su questa vicenda da mesi si sta lavorando assiduamente, evitando clamori, facili entusiasmi ed ‘accreditamenti’ politici che consideriamo per nulla produttivi per la causa, affinché non solo l’obiettivo comune, urgente e per certi versi storico venga raggiunto ma perché lo stesso possa essere ancora più adeguato alle esigenze e alla domanda di sanità pubblica del basso Tirreno cosentino. In specie, nei primi giorni dello scorso dicembre, dopo numerose richieste di informazioni sullo stato dell’arte alle competenti strutture regionali, i Comuni che rientrano nell’ex area dell’Usl di Amantea hanno presentato formale richiesta al Presidente della Giunta Regionale della Calabria, al Presidente della Commissione Sanità della Regione Calabria e al Commissario Straordinario dell’ASP Cosenza, di attivazione del cosiddetto Ospedale di Prossimità nel comprensorio di Amantea. Si tratta, a chiarimento, di un presidio capace di fornire un ventaglio di servizi ancora più consistente ed efficace ai cittadini-pazienti rispetto alla Casa della Salute e che, a nostro avviso – puntualizza Pellegrino – risulta essere più adeguato nel dare risposte alle esigenze di un territorio così deficitario sul piano ospedaliero. Non solo, come amministratori, non appena insediatici abbiamo rilevato come dal nostro ente non fosse stata data risposta alla richiesta inoltrata il 2 maggio del 2022 dal presidente della Giunta Regionale, Roberto Occhiuto, con la quale si chiedeva ai Comuni calabresi di fornire indicazioni su eventuali siti idonei alla realizzazione ‘di aree per l’atterraggio dell’elisoccorso sia diurno sia, soprattutto in prospettiva futura di medio termine, notturno’ allo scopo, veniva ancora specificato, di ‘poter beneficiare di una rete di siti atti a permettere l’atterraggio dell’elisoccorso Hems così da rendere più flessibile l’operatività dello stesso, rendendo più efficace la risposta sanitaria a problemi di salute espressi in urgenza’. L’amministrazione comunale di Amantea – prosegue Pellegrino – recuperando il tempo perduto in precedenza, ha con solerzia cercato un’adeguata area di possibile utilizzo per la realizzazione dell’importantissimo servizio di elisoccorso, individuandola proprio nell’adiacenza del poliambulatorio cittadino, e ne ha immediatamente fornito comunicazione all’istituzione competente. A supplemento delle procedure sopra descritte va detto che successivamente ho incontrato il Presidente della giunta regionale per partecipargli personalmente, con convinzione e fiducia, le urgenti attese di questa parte di popolazione calabrese sul piano sanitario, ricevendone particolare attenzione, anche se a tutt’oggi non abbiamo ricevuto ristoro alle nostre aspettative. I sindaci del territorio, me compreso, non hanno dunque mai attenuato la propria focalizzazione su una questione cruciale, come ben rappresentano lo Spi e la Cgil, per la salvaguardia della salute dei nostri concittadini e confidano sulla sensibilità dei vertici della Regione verso le loro, le nostre giuste istanze, fermo restando – conclude il sindaco di Amantea – che continueremo a seguire con ininterrotta attenzione la vicenda, supportati dalle nostre comunità e dagli stessi corpi intermedi, a cominciare dalle parti sociali».

Comments


Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria
bottom of page