top of page

Cosenza, appello degli Oss a Occhiuto




COSENZA - I restanti idonei nella graduatoria degli operatori socio sanitari dell’Asp di Cosenza scrivono al governatore Roberto Occhiuto nel tentativo di sbrogliare la matassa. «Siamo i pochi Oss “idonei” rimasti nella graduatoria a tempo determinato dell’Asp di Cosenza. Ci rivolgiamo a lei perché siamo stanchi di essere considerati “idonei” ad oltranza, ci sentiamo vittime di un sistema che scatena sempre la solita guerra tra poveri. In questo ultimo anno sulla nostra graduatoria si è discusso molto, con discernimento o meno, la nostra situazione è diventata terreno di vuoto consenso e di battaglia politica tra esponenti vari e alcuni sindacati che, per far valere diritti di altre graduatorie e tutelare persone certamente vittime come noi, hanno sistematicamente e ripetutamente denigrato o ignorato l’esistenza della nostra graduatoria», si legge nella missiva. «Rispetto alla carenza di organico per alcune figure come quelle degli operatori e delle operatrici sociosanitarie l’emergenza è tutti i giorni e questa è una lezione che ci ha impartito il periodo più buio della nostra storia, la Pandemia, con dei comparti sanitari in prima linea per fronteggiare la grave situazione quasi a mani nude, anche a causa della forte carenza di personale che già gravava nei vari presidi della nostra regione. Ricordiamo bene quando agli albori del 2020 l’Ao di Cosenza sopperiva all’enorme carenza di Oss con assunzioni a tempo indeterminato dalle graduatorie di altri ospedali e, soprattutto, per il tempo determinato da graduatorie come Reggio Calabria e Catanzaro. Ci chiediamo e Le domandiamo: è davvero cambiato questo modo di agire? Su Cosenza la situazione è più lineare rispetto a come viene gestita. Abbiamo sostenuto una prova scritta e orale, abbiamo posto in esame i nostri titoli ad una commissione esaminatrice, oggi poter lavorare è un nostro diritto sancito dalla legge. La graduatoria T.D. di Cosenza è stata stilata nell’Ottobre 2021, dopo aver espletato regolarmente il bando, con un totale di 210 unità. Ad oggi 126 unità prestano servizio presso gli ospedali della provincia, e chi è rimasto fuori, circa 80 persone, continua a non avere una prospettiva a breve termine. La nostra indignazione è doppia di fronte all’evidenza del grande bisogno di personale Oss, una carenza che persiste nei vari ospedali della provincia di Cosenza e di tutta la nostra regione», prosegue la lettera». «Non vogliamo più essere strumentalizzati, non siamo il capro espiatorio di nessuno e abbiamo una sola priorità: poter lavorare. La carenza di personale sanitario è risaputa e noi non siamo più disposti a farci trattare come merce di scambio, tanto meno da alcune sigle sindacali, che anziché tutelare tutti i lavoratori a le lavoratrici di ogni graduatoria calabrese senza distinzione alcuna, lasciano macerie dietro di sé», si legge ancora.


«Ribadiamo che occorre assumere al più presto nei vari presidi provinciali, quindi Le chiediamo, poiché avente il doppio mandato come Commissario alla Sanità, di far scorrere le graduatorie esistenti, per il bene di tutti e tutte noi calabresi, siano esse a tempo indeterminato o determinato», concludono.



Commentaires


Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria
bottom of page