top of page

Covid, Calabria in controtendenza





ROMA - «Tra Natale e Capodanno è stato raggiunto il picco dei ricoveri, siamo in linea anche nell’ultima settimana: c'è un calo, ma ancora non scendono in modo deciso. Per quanto riguarda l’incidenza queste sono state due settimane particolari, perché comunque il numero di tamponi effettuato è stato più basso rispetto a quelli che facevamo nel resto del mese di dicembre. Ma guardando il tasso di positività, possiamo dire che l'incidenza di Covid-19 a livello nazionale è al picco». Lo afferma Antonello Maruotti, ordinario di Statistica dell’Università Lumsa e co-fondatore dello StatGroup19, gruppo interaccademico di studi statistici sulla pandemia di Covid 19, commentando per l’Adnkronos Salute il monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute su Covid in Italia.

Maruotti fa notare che «al Sud è partita più tardi questa ondata che noi abbiamo visto a dicembre. Dire che l’Italia è spaccata in due è forse eccessivo, però ci sono Campania, Calabria e le isole che sono un pò in controtendenza rispetto al dato nazionale. L’incidenza è in salita, anche se questo non si traduce al momento in un grosso impatto sugli ospedali, seppure il numero di posti letto occupati in queste regioni non sta diminuendo e anzi ci sono leggeri rialzi. Ci vuole un pò di prudenza, soprattutto al Sud». Per l’esperto, comunque, «l'ondata di dicembre è finita, la prossima settimana sarà decisiva per capire se ci sarà una leggera ripresa, dovuta alle feste».

Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria
bottom of page