Dl Calabria, l'intervento di Occhiuto (FI)


ROMA - “L'emergenza Covid ha svelato la debolezza del sistema sanitario calabrese, ma i cittadini della mia Regione già conoscevano la fragilità di questo comparto, per averla vissuto ogni giorno sulla propria pelle. In queste settimane si è reso più evidente il perimetro delle responsabilità”. Lo ha detto Roberto Occhiuto, vice capogruppo vicario di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo in Aula a Montecitorio durante le dichiarazioni di voto finale sul decreto Calabria.

“Negli anni passati - ha spiegato - la classe dirigente calabrese ha accumulato gravi ritardi, lo dice uno come me che non ha mai partecipato al governo regionale o nazionale, ma si ascrive quota-parte delle responsabilità. Però da 11 anni la sanità calabrese non è governata dai rappresentati politici regionali, ma dal governo nazionale, e in queste settimane tutti se ne sono resi conto. E i disastri sono sotto gli occhi di tutti. E con questo decreto l'esecutivo continua a sbagliare, avremo altre pagine tragiche per la Calabria. In questi 11 anni di commissariamento il debito della sanità calabrese è aumentato ed è diminuita la qualità dei servizi per i cittadini. Non si è potenziata la rete territoriale, non si sono aiutati i medici di famiglia, e oggi in Calabria ci sono 18 ospedali chiusi".

"Il governo, in questo decreto, non ha ascoltato la voce dei calabresi, i loro bisogni. In Calabria mancano gli ospedali, ma mancano anche gli operatori sanitari e i medici: i nostri giovani sono costretti ad andare via dalla nostra Regione. Servono assunzioni, e servono a tempo indeterminato. Serve ripianare il debito sanitario, per far ripartire la macchina, per fare nuovi investimenti. Dall’esecutivo niente di tutto questo”, ha concluso.

Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria