La frenata dei contagi si attenua anche in Calabria


ROMA - Primi segnali di allarme nelle regioni e nelle province, dove sembra attenuarsi la frenata dei contagi: a rilevarli è il matematico Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo «Mauro Picone» del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr). «Seppure a livello nazionale sembra che siamo al picco dell’incidenza dei positivi, ci sono segni di allarme a livello regionale e provinciale», osserva il matematico.

La sua analisi indica che la frenata della crescita dei contagi si sta attenuando in sei regioni: Calabria, Campania, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Puglia e Valle d’Aosta.

Si registra inoltre un rallentamento del calo dell’incidenza media dei positivi nel Lazio, in Sardegna e in Umbria, mentre nella provincia autonoma di Trento e Sicilia la riduzione è quasi nulla.

L’analisi del matematico indica inoltre che sono 5 le province che nell’ultima settimana registrano un’incidenza più che doppia rispetto a quella della settimana precedente». Si tratta di Matera, dove l’incidenza è aumentata da 19 a 40 casi ogni 100.000 abitanti, Lecco (da 8 a 21), Macerata (da 51 a 111), Enna (da 58 a 135) e Aosta (da 14 a 38).

Sono molte invece, prosegue Sebastiani, le province con un’incidenza maggiore di 100 casi a settimana 100.000 abitanti».

Considerando «i segnali di cambiamento di trend a livello regionale - rileva Sebastiani - bisogna fare molta attenzione» e non va trascurato, infine, «il rischio della comparsa di nuove varianti pericolose».

L’incidenza è al momento maggiore di 200 casi a settimana su 100.000 abitanti a Cagliari (307) e Caltanissetta (205); è poi compresa fra 100 e 200 a Ragusa (188), Rimini (171), Pistoia (142), Lucca (138), Livorno e Sud Sardegna (136), Agrigento ed Enna (135), Firenze (127), Rovigo (125), Pisa (124), Prato (121, Verona (120), Imperia (114), Fermo (113), Trapani e Macerata (111), Arezzo (106), Treviso (104), Palermo (101) e Ferrara (100).

Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria