Covid, in Calabria un nuovo studio sulla variante Omicron



VIBO VALENTIA - Arriva dalla Calabria un nuovo studio sugli aspetti clinici, radiologici e terapeutici della variante Omicron del Sars-Cov-2. È stato pubblicato sulla

rivista scientifica «Journal of Radiological Review» ed è stato realizzato dal medico radiologo messinese in servizio all’ospedale «Jazzolino» di Vibo Valentia Giancarlo Gismondo Velardi e dai suoi colleghi Ilaria Trecroci e Letterio Militano.

Nel corso della loro attività nel nosocomio vibonese, i tre medici hanno notato che - a differenza delle precedenti varianti- l’infezione da Omicron è caratterizzata da una ipersecrezione di muco bronchiale. Ciò, rilevano, è importante sia per la diagnosi, ma anche per la prognosi e la terapia: nei casi più avanzati (in particolare soggetti anziani o privi di terza dose di vaccino) può causare un’atelettasia polmonare di varia gravità, che nei casi più circoscritti può essere curata con farmaci mucolitici, in quelli più avanzati necessita un intervento broncoscopico (con annesso ricovero in chirurgia toracica). Il focus è quello di annoverare in particolare i nuovi, seppur aspecifici, segni radiologici (in particolare della TC) dell’infezione da variante Omicron.

Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria