Covid, l'incidenza dei positivi in calo anche in Calabria



ROMA - L’incidenza dei positivi al virus Sars-CoV-2 in Italia sta complessivamente diminuendo, ma a velocità diverse: mentre nelle regioni settentrionali i numeri scendono abbastanza velocemente, spostandosi verso Sud la discesa è più lenta mentre si continua a osservare una grande

crescita in Sardegna: lo indicano le analisi del matematico Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo Picone, del Consiglio nazionale delle Ricerche (Cnr).

«L'incidenza dei positivi al coronavirus in Italia è in diminuzione, ma ci sono differenze tra le regioni/province autonome rispetto ai valori correnti della velocità di discesa. Le regioni del Nord, da Toscana e Marche incluse in su, mostrano valori più alti di quelli del resto del Paese», osserva l'esperto.

A Sud, «Calabria, Molise e Sicilia, hanno valori della velocità di discesa prossimi allo zero, mentre la Sardegna è in grande crescita, verosimilmente perché è stata raggiunta solo in tempi recenti dalla variante Omicron, in ritardo rispetto al resto dell’Italia a causa del suo isolamento geografico. A supporto di questa tesi - prosegue Sebastiani - c'è il fatto che la crescita avviene nelle province a Nord e Sud dell’isola, dove sono concentrati i punti di più frequente accesso, sia per mare che per via aerea».

Il matematico rileva inoltre che «non c'è correlazione tra l'incidenza e la sua velocità di discesa». I valori dell’incidenza più grandi si rilevano nel Nord Est (provincia autonoma di Bolzano, Marche, Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia Romagna), osserva, «a causa dei livelli di incidenza all’inizio della diffusione della Omicron, che erano più alti in quella zona del Paese a causa dell’espansione epidemica di novembre, causata dai flussi attraverso le frontiere con Slovenia e Austria e dagli assembramenti di massa».

Di seguito i valori dell’incidenza negli ultimi sette giorni per 100.000 abitanti: Oltre 1.500: provincia autonoma di Bolzano (1.550); Fra 1.000 e 1.500: Marche (1.250), Friuli Venezia Giulia (1.150), Veneto (1.150), Emilia Romagna e Abruzzo (1.100), Sardegna, Basilicata e Lazio (1.050), Toscana, Umbria, Liguria, Puglia, Trento e Sicilia (1.000); Fra 500 e 1.000: Campania (950), Molise (850), Piemonte (800), Valle d’Aosta e Lombardia (650), Calabria (550).

Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria