Locri, confronto costruttivo col commissario


REGGIO CALABRIA - "Una riunione della commissione consiliare Sanità che si è caratterizzata per un lungo e appassionato approfondimento di tutte le questioni aperte che riguardano l’ospedale di Locri. Ho chiesto questo momento di dialogo e confronto istituzionale con il commissario dell’Asp di Reggio Calabria, Gianluigi Scaffidi e con il direttore sanitario aziendale, Domenico Minniti, per mettere un punto fermo sulle criticità rilevate e sui progetti di rilancio da mettere in campo». E’ quanto afferma, in una nota, il consigliere regionale Raffaele Sainato.

"Nel corso del mio intervento - prosegue Sainato - ho ribadito l'assoluta e improrogabile necessità di mettere fine alle polemiche. La buona politica cerca dialogo, reciprocità e soluzioni. Condanno, con fermezza, ogni tipo di aggressione, ai danni dei sanitari che operano nel nosocomio locrese, compresa l'ultima. Tuttavia, pur non volendo giustificare tali criminose iniziative, ritengo che occorra assumere atteggiamenti distensivi e capaci di rasserenare gli animi. Serve una nuova fase, che definirei di pace politica e sociale, se si vuole rilanciare l’ospedale della Locride. E’ necessario dare fiducia al personale impiegato e al management aziendale e trasmettere questi sentimenti ai cittadini».

"In questo quadro, allora - prosegue il consigliere regionale - è indispensabile partire dalle cose da fare, in modo costruttivo, mettendo al bando la propaganda. Ho chiesto al commissario Scaffidi e al direttore Minniti chiarimenti e impegni sulle assunzioni di personale, sui tempi di attivazione della risonanza magnetica, sulla nomina dei primari, sugli interventi di edilizia sanitaria. Il commissario Scaffidi, nel proprio intervento, ha ricordato i sanitari che hanno perso la vita presso l’ospedale di Locri ed espresso solidarietà a coloro che in queste settimane sono stati vittime di aggressioni. Anch’egli ha ribadito l’auspicio di abbandonare toni catastrofistici, che stanno cagionando non pochi danni all’ospedale e alla sua organizzazione. Sugli ultimi avvenimenti di violenza a danno di sanitari il commissaro ha chiarito che è stata richiesta l’attivazione di un presidio di polizia, almeno dalle 8 alle 20. Scaffidi, poi, si è detto disponibile a un incontro istituzionale, davanti alla Commissione consiliare Sanità, con i sindaci del territorio, per affrontare, in spirito di leale collaborazione, le questioni che interessano l’ospedale».

"Nel merito dei problemi e delle prospettive - sottolinea il consigliere regionale - è stato chiarito che i concorsi procedono lentamente a causa della perdurante difficoltà a reperire commissari. In atto sono in corso i bandi per il reperimento delle seguenti figure: primario del pronto soccorso, direzione sanitaria ospedaliera, primario di rianimazione, medici di radiologia e medici del pronto soccorso a tempo determinato. La risonanza magnetica con ogni probabilità sarà attiva da luglio. Per il reparto di ortopedia il concorso si è concluso, con individuazione dei vincitori, ma si fatica ad assumere. Si tratta di attività ferme, che da tre mesi, da quando è in carica l’attuale direzione aziendale, sono state riprese».

Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria