top of page

Per la Corte dei Conti gestione sconfortante dell’emergenza sanitaria in Calabria



CATANZARO - «Un risultato sconfortante è emerso dall’analisi della gestione dell’emergenza sanitaria in Calabria. Nonostante la Regione abbia ricevuto negli anni 2020 e 2021 risorse finanziarie per quasi 252 milioni, ad oggi il 67% della somma (pari a 170 milioni) non è stata ancora trasferita agli enti sanitari». E’ quanto si rileva nella relazione per il giudizio di parificazione del rendiconto generale della Regione Calabria da parte della Sezione regionale di controllo della Corte dei conti.

«Non può non rilevarsi, inoltre, che i costi inseriti nel costo economico Covid (pari ad 311,785 milioni nel biennio) – è detto nella relazione - sono nettamente superiori alla somma che gli enti sanitari hanno ricevuto dalla Regione. La conclusione è evidente: anche nella gestione della pandemia, nonostante la presenza di cospicue risorse in cassa, il servizio sanitario ha prodotto debiti. Tale anomalia, per come chiarito anche dal Dipartimento della salute, scaturisce da altra ancora più grave: le spese sostenute dagli Enti sanitari per il contrasto del Covid non sono state ancora dai medesimi Enti puntualmente rendicontate».

Nel testo i magistrati contabili, dopo avere alcune altre criticità relative al debito delle Aziende sanitarie e alla ricognizione del patrimonio immobiliare, aggiungono «che in sede di adunanza di pre-parifica, il presidente della Regione, attuale Commissario ad acta per il piano di rientro, ha rappresentato il quadro delle azioni, da ultimo poste in essere per affrontare alcune delle criticità. Ha, infatti, dichiarato che sono stati istituiti gruppi di lavoro con l’ausilio della Guardia di finanza per la ricognizione del debito; che è stato avviato il processo di circolarizzazione delle posizioni debitorie con l’apertura di una piattaforma e l’invio di 20.000 pec a tutti i fornitori del Servizi sanitario regionale per poter concludere la ricognizione della massa debitoria. entro il 31 dicembre; che sono state previste, nella manovra d’autunno, una serie di interventi per rendere più attrattivo il lavoro nel sistema sanitario calabrese; che sono stati avviati importanti investimenti del Pnrr; che è stato predisposto un piano per la dotazione delle tecnologie per ospedali.

Comments


Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria
bottom of page