Verso la fine dell'era Scura


CATANZARO - «Sono soddisfatto di aver lavorato in Senato ed in Commissione Salute, determinando la fine di un’epoca che non ha aiutato la sanità calabrese e, in particolar modo, quella reggina. Si conclude il percorso commissariale di Scura, si tratta oramai di ore per l'ufficialità». Lo afferma, in una nota, il senatore Marco Siclari, capogruppo di Forza Italia in Commissione Salute. «É il risultato - aggiunge - di un grande lavoro fatto in Commissione Salute del Senato dove, dopo aver invitato Scura e Oliverio a relazionare, ho potuto illustrare ai colleghi senatori, che ringrazio per aver posto la massima attenzione alla mia regione, i dati che certificano l’emergenza sanitaria in Calabria ed l’inadeguatezza dello strumento commissariale». «Siclari - è detto in un comunicato - rimarca come sia stato incisivo il suo lavoro in Senato permettendo di accendere da subito i riflettori su Scura e sull'assistenza sanitaria in Calabria, portando in audizione in Commissione Salute del Senato, per la prima volta in dodici anni di commissariamento, tanto Scura quanto il governatore Oliverio». Non c'è nulla di ufficiale, anche se Siclari si dice certo dell'addio di Scura. Secondo indiscrezioni trapelate sulla stampa tra i successori si profilano il generale dei carabinieri Saverio Cotticelli e l'ex dg dell'Asp di Crotone Thomas Schael.

Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria