Appello della Cgil per la nomina dei due sub commissari



CATANZARO - “Le dichiarazioni del commissario al Piano di rientro Guido Longo aprono uno squarcio profondo in uno dei sipari più spessi e pesanti che avviluppano nella paralisi e nell’immobilismo il Sistema sanitario calabrese. La inadeguatezza del Dipartimento della salute della Regione Calabria, già segnalata dal Direttore generale dello stesso Dipartimento, Francesco Bevere, in termini di carenza di risorse e professionalità innanzitutto, ma anche di carenza organizzativa ormai cronica- afferma Alessandra Baldari, segretaria regionale Fp Cgil Calabria- riverbera direttamente sulla possibilità oggettiva di intervenire concretamente in tutta la filiera sanitaria del sistema calabrese”. “Tale condizione, più volte denunciata, segnalata e riconosciuta come prioritaria per rendere efficace anche l’azione commissariale sembra impossibile da scardinare, nonostante la necessità di invertire la rotta sia stata sollecitata anche dal tavolo di monitoraggio e controllo ministeriale e prevista nell’ultimo programma operativo. Ogni iniziativa e dichiarazione sembra cadere nel vuoto, o scontrarsi con un muro di gomma, ogni volta motivato con ragioni diverse, a partire dai mancati o critici rapporti tra la Regione e la struttura commissariale del passato, per finire oggi, a dichiarazioni di collaborazione tra le due istituzioni cui non conseguono atti concreti. Alle dichiarazioni di messa a disposizione dell’intero Dipartimento della salute per collaborare e supportare il Commissario non è seguita una riorganizzazione dello stesso con l’istituzione di posizioni apicali e un processo di mobilità sostenuto da motivazioni qualitative che avrebbero sollecitato l’attenzione di professionalità di qualità a mobilitarsi anche volontariamente con la garanzia di andare a ricoprire postazioni e incarichi in un contesto di garanzia e giusto riconoscimento professionale”, spiega la segretaria regionale. “Tra l’altro tutto il processo avrebbe dovuto sollecitare anche i dirigenti degli altri Dipartimenti, in uno col Dipartimento Organizzazione e Risorse umane, a farsi parte diligente nell’individuare le risorse e le professionalità più consone a soddisfare le necessità del Dipartimento della Salute, consapevoli della gravità della situazione del Sistema sanitario calabrese, sostenuti anche da un senso civico di responsabilità volto a contribuire a risanare la crisi sanitaria acuita dall’emergenza pandemica. La determinazione del Commissario Longo di incaricare il Direttore generale del Dipartimento Bevere ad acquisire tramite Consip i servizi idonei a garantire il supporto necessario alle azioni del mandato commissariale, data la carenza di personale e strutture del Dipartimento, attivando una vera e propria esternalizzazione, è una sconfitta, o una scelta indiretta, della Regione che lascia ancora una volta la struttura portante del sistema sanitario regionale sguarnita, debole ed inefficace, rendendo l’idea che non c’è oggi e non ci sarà domani nessuna prospettiva di organizzazione e di efficienza che potrà rassicurare i calabresi circa la possibilità di fare a meno dei commissariamenti. È doveroso, inoltre, sollecitare il Governo a nominare i due subcommissari che dovranno affiancare il Commissario Longo, individuando celermente figure di alto profilo e competenza per consentire che la tempistica e le azioni di risanamento del sistema sanitario possano davvero attivarsi per come previsto dal Decreto Calabria. Per mettere fine al Commissariamento del sistema sanitario calabrese- conclude Baldari- è necessario attraversare il guado del risanamento e messa a norma di tutta la filiera gestionale e amministrativa che ancora una volta, recentemente, ha palesato tutte le sue storture, per farlo sono necessari uomini e mezzi non solo dichiarazioni d’intenti e sarebbe auspicabile che in questa fase fossero create condizioni stabili e strutturali per garantire un futuro di governo normale della Sanità calabrese, ammesso che ci sia la volontà”.


Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria