top of page

Cosenza, per l'Opi sul personale assunto la Regione naviga a vista



CATANZARO - «Siamo più che contenti per il rinnovo dei precari ma, al tempo stesso, siamo più che preoccupati per una mancanza di visione della Regione che mette in crisi tutto il sistema. Perché rinnovare i contratti a 3 mesi, quando le aziende hanno predisposto il piano ferie estivo dall’1 giugno al 30 settembre? Se il rinnovo dovrebbe scadere il 30 giugno, che programmazione si può fare senza conoscere quale sarà il personale in servizio?». Così in una nota Fausto Sposato, presidente dell’Ordine professioni infermieristiche di Cosenza.

«Due sono le cose - spiega -: si poteva prevedere un arco temporale di sei mesi ed oltre oppure chi governa questi processi improvvisa. Riteniamo che la Regione, su questo aspetto, navighi a vista, senza, ad oggi, alcuna programmazione, anche per l’assenza di dirigenti delle professioni sanitarie in regione. A decidere - prosegue Sposato - sono i soliti che da anni hanno messo in crisi il sistema. Diamo dignità ai giovani che sono il nostro futuro. Investiamo su di loro, per un servizio sanitario diverso. Le risorse del Pnrr - sottolinea - prevedono ad esempio la digitalizzazione, l’umanizzazione delle cure, l’informatizzazione. Bene, ma l’età media degli operatori sanitari è di 54 anni; molti sono prossimi alla pensione e molti non sono in grado di ottemperare a tali importanti novità. Insistiamo allora sulle stabilizzazioni necessarie e non più rinviabili. Si attende ancora il completamento delle stabilizzazioni previste dalla Legge Madia, mentre tanti altri aspettano le stabilizzazioni promesse con il decreto Covid. E un loro diritto, si proceda spediti. La Regione - afferma Sposato - si faccia garante del premio Covid non percepito, non è più possibile navigare a vista con le professioni sanitarie continuamente mortificate. Tra l’altro alle note criticità si uniranno altre criticità con l’arrivo degli sfollati dalla guerra. Bambini, dializzati, malati oncologici avranno necessità di risposte, ma se il sistema non è governato come si può fare?».

Poi Sposato, che ricorda di aver «chiesto più volte un incontro con il governatore Occhiuto e con il direttore generale della regione Calabria», aggiunge: «L'anomalia persistente è che manca, ancora, l'osservatorio delle professioni sanitarie. Vorremmo dire ai nostri amministratori che si parla di Case della salute e di Ospedali di prossimità, ma se non ci sono i numeri e manca il personale, come si può investire in tutto ciò? Sussistono le graduatorie? Assumiamo allora perché siamo esausti, tutti gli operatori sono esausti. Si ragioni tutti insieme - conclude Sposato -, non si può, ad esempio, lasciare soli i commissari delle Asp addossando loro fin troppe responsabilità e con la scure del non rinnovo sulla testa, non va bene. Occorrono politiche mPerirate, obiettivi a breve, medio e lungo termine con personale di qualità. Con professionisti giusti al posto giusto per tutelare la salute dei cittadini calabresi».

Comments


Scegli la provincia 

Troverai l'elenco delle strutture convenzionate.

Cosenza
Crotone
Catanzaro
Vibo Valentia
Reggio Calabria
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
uneba calabria
bottom of page